Atlante dei Contratti di Fiume in Abruzzo

Strumenti conoscitivi e metodologici

La ricerca ha tentato di definire una metodologia utile a impostare un processo standard per i contratti di fiume, e a riconoscere il grado di criticità maggiore per ciascun bacino, in un contesto, quello della regione Abruzzo, caratterizzato dall’improvviso proliferare di iniziative volte alla costituzione di Contratti di fiume, spesso in assenza di progettualità negoziali pregresse e in cui il ritardo nella costituzione di una cabina di regia regionale ha contribuito alla confusione e alla estemporaneità dei tentativi di auto organizzazione dei diversi contesti locali.
L’obiettivo era offrire un set di strumenti conoscitivi e metodologici per coordinare l’azione degli enti locali nelle fasi di istituzione e programmazione delle attività, ivi compresa la fase di allocazione delle risorse. Tali strumenti hanno molteplici finalità, tra cui quella di fare ordine e di sistematizzare le numerose informazioni disponibili e certificate, graficizzandole in una serie originale di cartografie alla scala regionale.
Definita la base conoscitiva e la metodologia sono stati scelti alcuni casi pilota sui quali sono state svolte analisi di area vasta per la costruzione di un quadro conoscitivo generale, in grado di riassumere le caratteristiche principali dei bacini stessi, sia in termini più propriamente territoriali, e quindi riguardanti i caratteri morfologici e di uso del suolo, sia in termini più mirati alle condizioni di rischio, quali quello idraulico, idrogeologico e di stato ecologico delle acque, infine sono stati costruiti scenari e programmi di azione esemplificativi.