Le politiche regionali di sviluppo e i centri storici in Umbria

L’esperienza della pianificazione per lo sviluppo economico e sociale dell’Umbria si è caratterizzata per una continua elaborazione e innovazione di approcci per il sistema dei centri storici e del paesaggio.

La lunga esperienza segnata dalla pianificazione per lo sviluppo economico e sociale della Regione Umbria a partire dal patrimonio territoriale e paesaggistico ha avuto un ruolo anche per le politiche nazionali sulle attenzioni al grande patrimonio insediativo storico (v. Carta di Gubbio) e si è caratterizzata per una continua elaborazione e innovazione di approcci per il sistema dei centri storici connessi ai sistemi paesaggistici di cui si connota la Regione ed in generale il paese intero.

La ricostruzione storica che si presenta in rassegna si riferisce al ricco patrimonio delle politiche a partire dagli anni ’60 fino alla contemporaneità, restituendo un quadro organico di quanto si è fatto nel tempo e di cosa si sta facendo per il territorio e le città, anche in considerazione degli ultimi eventi sismici che coinvolgono il sistema degli insediamenti storici piccoli e grandi e delle politiche abitative promosse negli anni che hanno interessato il sistema dei centri storici umbri.

La partecipazione della Regione Umbria alla VII Rassegna Urbanistica Nazionale di Riva del Garda è senza dubbio utile alla composizione del “Mosaico Italia: raccontare il futuro” in quanto si ritiene che la lunga esperienza segnata dalle politiche regionali sul territorio e sugli insediamenti storici, possano rappresentare un grande laboratorio nazionale per il prossimo futuro del paese.